U14/F, SEMIFINALE: BA.LA.BOR ARGENTO, MICIDIALE 0-3 AL PARELLA IN GARA-1

U14/F – SEMIFINALE – ANDATA
VOLLEY PARELLA TORINO BIANCA-VERNICI ZOCCALI BA.LA.BOR ARGENTO 0-3
(25-27/ 10-25/ 24-26)
Più vicina la finale per il titolo provinciale di Under 14 femminile per la Ba.La.Bor Argento! Perentorio lo 0-3 con cui le Diavolette di Nadia Dessilani e Francesca Fonsati hanno inaugurato oggi la serie di semifinale alla palestra “Vigone” di Torino, splendido per la capacità di stringere i denti nei momenti difficili del match e risalire la china prima che sia troppo tardi.
L’inizio-champagne di 0-5 con ace a ripetizione di Benedetta Canfora illudeva un po’ la squadra targata Vernici Zoccali e la tifoseria al seguito sulla presunta facilità dell’impresa. La squadra si contraeva, soprattutto in difesa, e il Parella prendeva fiducia nei propri mezzi, ricuciva il gap e passava a condurre il gioco. Coach Dessilani cercava di rassicurare la squadra e pian piano arrivava il risveglio, riprendendo le torinesi guidate da Daniele Moriondo sul 23-23 per poi giocarsela alla lotteria dei vantaggi, in cui annullava due set-point e chiudeva con grande cinismo al primo a proprio favore. Lo scampato pericolo moltiplicava le energie nei muscoli delle Diavolette, che facevano il vuoto nel secondo set togliendo gli spazi a un Parella remissivo sulle battute di Giorgia Andreotti: agevole successo parziale di 10-25. Le difficoltà si ripresentavano nel terzo parziale. Il Parella allungava il passo sull’8-4, un break indigesto per la Ba.La.Bor (molto fallosa in servizio e poco brillante in difesa) che se lo trascinava fino al 22-19. Ma le Diavolette non mollavano e sfoderavano la classe di cui sono dotate rovesciando con un guizzo micidiale l’inerzia sul 22-24. Il Parella rispondeva riportandosi sul 24-24 ma nulla poteva sullo scatto d’orgoglio della Ba.La.Bor che chiudeva i giochi sul 24-26.
Indubbiamente un bel viatico questo 0-3 per la sfida di ritorno, in programma domenica 6 marzo alla palestra “Pertini” di Lanzo dalle ore 18.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dimostrami di essere umano (e di saper far di conto) *